Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Accordo raggiunto dal Consiglio europeo sugli strumenti economici per la ripresa

Un pacchetto a sostegno della transizione verde e digitale

Si sono riuniti dal 17 al 21 luglio i 27 capi di stato europei, per discutere del prossimo quadro finanziario pluriennale e di altri strumenti da adottare per sostenere la ripartenza dell'economia dell'Unione, messa a dura prova dalla pandemia di COVID-19.

I leader europei hanno trovato un accordo che prevede:

  • L'adozione di un bilancio europeo per il periodo 2021-2027 per un ammontare pari a 1.074,3 miliardi di euro. Il bilancio coprirà le seguenti aree di spesa: mercato unico, innovazione e digitale; coesione, resilienza e cultura europea; risorse naturali e ambiente; migrazione e gestione delle frontiere; sicurezza e difesa; cooperazione internazionale; amministrazione pubblica europea.

  • La creazione di un fondo per la ripresa attraverso la raccolta di capitali sul mercato finanziario per un ammontare pari a 750 miliardi, da ripagare entro il 2058. Queste risorse serviranno agli Stati Membri per affrontare le sfide connesse al COVID-19: 390 miliardi saranno erogati sotto forma di sovvenzioni, i restanti 360 miliardi costituiranno prestiti. Le risorse serviranno più specificamente a coprire 7 programmi: Strumento per il Recupero e la Resilienza; ReactEU; Horizon Europe; InvestEU; Sviluppo Rurale; Fondo per una Transizione Giusta; RescEU.

  • La predisposizione di piani nazionali per la ripresa e la resilienza per il periodo 2021-2023. Tali piani dovranno essere coerenti con le raccomandazioni specifiche relative a ciascun Paese e dovranno contribuire alle transizioni verde e digitale. L'attuazione dei piani è una condizione necessaria per ricevere sovvenzioni da parte dell'UE.

  • Un potenziamento delle attuali entrate (come lo schema di commercio delle emissioni – ETS) e la creazione di nuove fonti di finanziamento europee fra cui un'imposta europea sulla plastica, a partire dal 2021, e un'imposta sul digitale, prevista per la fine del 2022.

  • La creazione di una riserva di 5 miliardi per sostenere gli Stati membri e i settori economici più colpiti dalla Brexit.